Votazione popolare del 12 febbraio 2017

Decreto federale del 30 settembre 2016 concernente la naturalizzazione agevolata degli stranieri della terza generazione

Gli stranieri nati e cresciuti in Svizzera non ottengono automaticamente la cittadinanza svizzera e in genere non beneficiano nemmeno di una procedura di naturalizzazione agevolata. La naturalizzazione è disciplinata in modo differenziato dai Cantoni. Nel 2004 il Popolo aveva respinto un disciplinamento unitario in materia di naturalizzazione agevolata per i giovani stranieri della seconda e della terza generazione cresciuti in Svizzera. La consigliera nazionale Ada Marra ha quindi presentato nel 2008 un’iniziativa parlamentare secondo cui «la Svizzera deve riconoscere i propri figli». Nella sessione autunnale 2016 il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati erano infine concordi: gli stranieri della terza generazione devono poter beneficiare di una naturalizzazione agevolata. Le due Camere hanno tuttavia stabilito chiare condizioni e si sono espresse contro l’introduzione di una naturalizzazione automatica.

Sei favorevole a una naturalizzazione agevolata per i giovani stranieri della terza generazione?

Decreto federale del 30 settembre 2016 concernente la creazione di un fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato

Affinché la rete dei trasporti funzioni è necessario che le strade siano riparate o ne vengano di nuove. A causa del forte incremento del traffico registrato negli ultimi anni, mancano i mezzi finanziari necessari ad assicurare la manutenzione viaria nel futuro. Per tale motivo occorre istituire un fondo, denominato Fondo per le strade nazionali e il traffico d’agglomerato (FOSTRA), il quale va finanziato con l’aiuto di diverse tasse.

Legge federale del 17 giugno 2016 concernente misure fiscali volte a rafforzare la competitività della piazza imprenditoriale svizzera

Affinché le normative internazionali siano rispettate, è necessario adeguare le imposte delle imprese. Nel contempo la Svizzera mira a promuovere la crescita economica e l’innovazione, nonché a creare nuovi posti di lavoro. Essa deve rimanere una piazza economica interessante tanto per le imprese indigene quanto per quelle estere. Il Consiglio federale si propone di introdurre incentivi a tal fine, anche mediante riduzioni di imposte.
L’oggetto sarà sottoposto a votazione soltanto in caso di riuscita del referendum contro di esso.

Raccontare