Giuramento o promessa?

Che differenza c’è tra un giuramento e una promessa solenne?  (Yannik, 14)

I parlamentari neoeletti hanno l’obbligo di prestare giuramento o promessa solenne. Chi non presta giuramento o promessa solenne non può partecipare alle deliberazioni, non può beneficiare dei diritti che gli spettano e non è vincolato ai suoi obblighi.

 

Chi presta giuramento pronuncia, in piedi e levando tre dita della mano destra, le parole «Lo giuro»; chi presta promessa solenne pronuncia le parole «Lo prometto».

 

La formula completa del giuramento è la seguente:

«Giuro dinnanzi a Dio onnipotente di osservare la Costituzione e le leggi e di adempiere coscienziosamente gli obblighi inerenti al mio mandato.»

 

A differenza del giuramento, la promessa solenne non fa rimandi a Dio. La formula completa della promessa è la seguente:

«Prometto di osservare la Costituzione e le leggi e di adempiere coscienziosamente gli obblighi inerenti al mio mandato.»

Dopo le elezioni: i parlamentari prestano giuramento o promessa solenne.

Raccontare